Da “Repubblica”

La riapertura dei musei sembra coincidere con il momento idoneo per restaurare opere che, a causa della pandemia, avrebbero dovuto subire interventi di pulizia già da un paio d’anni. La Pinacoteca di Brera avvisa così i propri visitatori che alcuni dipinti non saranno visibili al pubblico per qualche mese.
“Ci siamo mossi nel più breve tempo possibile, consci che molte persone vorranno vedere questi capolavori italiani di cui tutti andiamo fieri. Per quelli più famosi attualmente in restauro, come la *Pala Sforzesca*, gli *Uomini d’Arme* del Bramante o la *Cena di Emmaus* del Caravaggio, sono stati prontamente sostituiti da delle copie.
Per altre opere meno famose, invece, la Pinacoteca ha semplicemente predisposto un avviso e delle scuse. Questo potrebbe sembrare superfluo, ma vi assicuro che anche quei dipinti che la gente si ferma di meno a osservare, come il *Giosuè Ferma il Sole* del Malinconico, o il *Miracolo della Verga Fiorita* del Carpaccio meritano rispetto e soprattutto una rivalutazione da parte della critica.”
Allo stato attuale, ben 12 opere sono in fase di restauro, ma il direttore stesso assicura che torneranno presto nelle sale della Pinacoteca, più splendide che mai.

Potrebbero interessarti anche...