Tam Tam novembre 2019

  • I Gonzaga hanno deciso di ritirare le proprie minacce di guerra con l’uscita di scena dai giochi politici della famiglia Crivelli e il sottrarsi, da parte di Aristandro Pirro Crivelli, dalla corsa allo scranno ducale. È un fatto singolare, e non era certo lui il candidato che più avrebbe potuto minacciare i confini del Ducato di Mantova, ma sicuramente quello che avrebbe reso più difficile conquistare Milano. Per ora, almeno, la guerra è scongiurata. Ma le cose non sono mai ciò che sembrano, e chissà se i milanesi comprenderanno le sottili implicazioni di tale evento… (Guglielmo Medici, conte di Montelupo)

  • Pare che i dragoni abbiano cementato il loro controllo su Torno. La Villa Pliniana è un luogo potente, eppure nessuno lo aveva notato fino a qualche sera fa. A Monza, qualcuno ha profanato le tombe di alcuni fanciulli e, anche in quel caso, nessuno si è mosso per comprenderne il perché. Un Ilioneo è tornato tra noi, e ancora i cittadini tengono gli occhi chiusi. Il filo delle Parche è mutevole, ma la cecità dei figli della notte appare pressoché assoluta. (Tiresia Litta, augure di Como)

  • L’odore nelle campagne sta cambiando, nella notte si accendano occhi come fari e cacciare è sempre più pericoloso. State attenti, questi sono tempi pericolosi… (Teresa Carcano, castellana di Gallarate)

  • Meditate, digiunate e pregate. San Maron si avvicina, e le vostre anime dovranno essere pronte per l’evento; mortificate il corpo per innalzare lo spirito e fatelo con convinzione, altrimenti sarà il mio bastone a farlo! (Scenute Dal Verme, abate della Basilica Porziana di Milano)

Potrebbero interessarti anche...